Quale rampa è adeguata per la carrozzina per disabili

A volte, bisogna andare incontro alle necessità delle persone che hanno qualche difficoltà a vivere normalmente. Giusto per un occasione di questo genere, non è male accessoriarsi con vari prodotti che possono ottimizzare la vita delle persone con qualche limitazione nei movimenti. Questo si può giustamente affrontare nel discorso che riguarda le carrozzine e tutto ciò che ci si può procurare per ottimizzarne il suo passaggio. In questo caso, parliamo giusto appunto delle rampe! Le rampe per le carrozzine vengono attualmente in più forme. Possono avere accessori speciali per rendere più semplice il trasporto o eliminare la possibilità che vi siano incidenti. Ma bisogna sempre tenere a mente due cose molto precise:

-La rampa deve essere resistente. Deve giustamente essere capace di supportare una certa quantità di peso, compresa la carrozzina ed il suo portatore. Solitamente al giorno d’oggi l’alluminio può comunque fare un ottimo lavoro per questo scopo, con anche delle aggiunte per aumentare la presa sulla rampa, evitando così di scivolare.

-La rampa deve essere leggera. Questo solamente se si ha l’intenzione di viaggiare parecchio, avendo a disposizione così una rampa portatile che può essere estesa senza tantissimo impegno. Altrimenti una rampa che può essere piazzata in maniera permanente nemmeno è male.

La rampa ottimale

Detto ciò, bisogna sempre osservare alcuni aspetti che riguardano l’inclinazione della pedana e quanto questa è lunga. Una pedana portatile è categorizzata da una salita corta e ripida, visto che deve essere semplice da portare. Alcuni modelli tendono ad essere giusto un po’ più lunghi, sacrificando giusto quel poco di spazio. In questo caso è possibile trovare delle pedane che vengono in due rampe che è possibile posizionare separatamente, facili da portare ed in alluminio traforato. Quelle che hanno un aspetto più permanente hanno però qualcosa che meglio traspira una salita più comoda. Le pedane permanenti, o comunque definite non portatili, hanno infatti una salita più lunga ma con un’inclinazione non troppo violenta. Anche queste è bene che siano in alluminio, con delle “alette” laterali per evitare di far finire la carrozzina fuori percorso. Infine, le strisce per non scivolare. Vengono in due versioni: piane o ondulate. Quest’ultimo serve per dare una maggior possibilità di affaticarsi di meno (e soffermarsi quando possibile) lungo la pedana. Sono spesso dedicate però alle rampe portatili, il quale hanno giustamente una salita più ripida. In entrambi i casi comunque, sono un accessorio più che apprezzato.

Plugin optimized by Syrus